Montagna e fotografia: due passioni che vanno a braccetto. Chi è appassionato di fotografia, trova in montagna paesaggi incantati da catturare attraverso l’obiettivo. Chi invece adora i monti e le camminate nella natura, spesso si trova davanti a panorami di tale bellezza che sarebbe un peccato non condividerli con tutti. Ed ecco che scatta la volontà di immortalarli con una fotografia.
Al giorno d’oggi basta davvero poco per portare a casa un ricordo di un’escursione, tra le montagne delle Dolomiti o sulle alture più vicine alle città: sono moltissimi gli smartphone con cui poter fare delle ottime foto durante questi trekking fotografici. Chi invece è più appassionato avrà bisogno di strumenti più specifici.

Zaino fotografico

Un fotografo tiene la propria attrezzatura con grande cura. Si tratta di strumenti molto delicati e in alcuni casi anche particolarmente costosi. Quindi un fotografo naturalista pronto per partire all’avventura verso le alte cime ha bisogno di uno zaino fotografico, come questi: un contenitore portatile con scompartimento e cinghie di fissaggio. Comodo, pratico ma soprattutto sicuro! Qui non si tratta di “cosa portare” ma di “dove metterlo”. Ovviamente poi ogni escursionista fotografo ha necessità diverse, sulla base della propria strumentazione e dei percorsi scelti. Servono più compartimenti o uno zaino molto leggero?

Ricordati che non ha senso portare nello zaino tutta l’attrezzatura in proprio possesso. Bisogna analizzare la tipologia di percorso che si intende intraprendere e pensare a cosa si vorrà fotografare, su che soggetti ci si concentrerà.

Attrezzatura per foto trekking: schede memory card

Una delle prime cose, oltre al corpo della macchina, da mettere nello zaino fotografico. Meglio non limitare la nostra creatività: è sempre meglio avere più foto tra cui scegliere. Ovviamente bisogna anche analizzare la lunghezza del percorso scelto, ma le card non pesano quindi è sempre meglio averne in abbondanza. Non si sa mai.

Foto trekking e obiettivi

Nella fotografia in montagna la scelta dell’obiettivo è molto importante, soprattutto se nostro zaino fotografico è piccolino e non ci permette di portare tutte le ottiche a nostra disposizione. Il grandangolo è sicuramente una scelta quotata per i paesaggi di montagna, poiché con una sola foto dà la possibilità di includere tutto: laghi, cime e foreste. Per evitare troppa distorsione è consigliato un grandangolare che va dai 35 ai 28 mm. Per una messa a fuoco selettiva e per dei soggetti distanti si può optare per il teleobiettivo. Questo comporta il bisogno di uno zaino più grande, sia per la dimensione dell’obiettivo stesso che per la necessità correlata di un treppiede (necessario per la stabilità dell’inquadratura).

Trekking fotografico e filtri

Dal controllo della luce alla correzione del colore. I filtri servono proprio a questo: risolvere i problemi. Ogni situazione necessita il filtro dedicato. Non ha senso portarsi dietro tutto, come detto in precedenza è importante analizzare a priori la tipologia di ambiente che si andrà a fotografare per poi scegliere con criterio. Un filtro polarizzatore, ad esempio, aiuta a esaltare i colori, definendoli e rendendoli più vivi e saturi. Un filtro neutro invece limita la luce, la filtra: questo è essenziale in determinate giornate per evitare creazione di livelli cromatici differenti e dominanze.

Escursioni fotografiche: quando si prolungano

Quando non si tratta di trekking fotografici in giornata, ma di veri e propri viaggi, ci sono alcuni elementi che bisogna portare in valigia, e che poi possono essere lasciati in albergo o nel rifugio, poiché più pesanti e ingombranti e magari non necessari durante l’escursione.

Computer portatile

Molte persone se lo portano sempre in vacanza, ma per un fotografo è essenziale. La sera, di ritorno dall’escursione fotografica, si può decidere di passare subito le foto sul pc e magari di fare già una selezione. Vedere le immagini sullo schermo del computer può anche indirizzare il fotografo sui miglioramenti da fare nella gita fotografica del giorno successivo.

Hard disk esterno

Assolutamente necessario! Perdere tutto il lavoro sudato durante giornata non è certo una bella sensazione. Per questo il passaggio del materiale su un hard drive esterno è sempre consigliato, non solo per i fotografi. L’hard drive va quindi portato anche in montagna, sempre che si tratti di un viaggio che duri più di un giorno, altrimenti si può anche pensare di risparmiare un po’ di peso nello zaino.