Comunicare, in generale, non è sempre facile, comunicare sul web, nello specifico, può rivelarsi molto più complesso di quanto si possa pensare. Il canale del web è particolare e di sicuro non si possono utilizzare né gli stessi strumenti, né le stesse modalità che si utilizzano al di fuori dello spazio online. Uno degli strumenti che attualmente è tra i più efficaci è l’infografica e qui scopriremo tutto quello che si deve sapere per utilizzarla al massimo del suo potenziale.

Cos’è l’infografica

Per farla breve e entrare subito nel vivo della questione, un’infografica è la rappresentazione, appunto grafica, per immagini, di un concetto, spesso di un concetto complesso. Normalmente viene utilizzata per rendere immediatamente fruibili dei dati, per avere un processo chiaro al primo sguardo, scremando da tutto l’overload informativo.

In pratica si tratta di prendere quello che vogliamo comunicare, semplificarlo al massimo eliminando i cosiddetti “orpelli” e schematizzando il tutto con una forma grafica semplice, ordinata, chiara e che attiri l’attenzione.

Perché l’infografica è tanto utilizzata

La risposta a questa domanda la troviamo, almeno in parte, in ciò che abbiamo appena detto. Un messaggio semplificato è di più immediata acquisizione. Pensate, per esempio, alle indicazioni sul comportamento in classe. Parliamo di una classe della primaria quanto di una della secondaria.

Le indicazioni sono che non si deve correre, non si devono lanciare oggetti, si va in bagno solo in determinate ore, non si mangia durante la lezione e così via. Il modo per far acquisire tutte queste informazioni agli studenti è quello di scrivere una sorta di decalogo da appendere in classe, oppure di utilizzare le infografiche.

Dei disegni o dei simboli che illustrino tutte le regole della buona convivenza a scuola hanno sicuramente un maggior presa nei sui ragazzi, queste, di fatto, vengono apprese e fatte proprie in tempi più rapidi ma, soprattutto, sono di immediata comprensione per tutti, anche per eventuali alunni stranieri che ancora non conoscono bene la lingua italiana.

I vantaggi dell’utilizzo dell’infografica

Il vantaggio principale è quello che è stato appena illustrato, ovvero, che si semplificano dei concetti o dei dati rendendoli fruibili a un’utenza eterogenea. La percezione visiva dei contenuti mediati da un’immagine stimola i processi cognitivi e facilita l’apprendimento, ma non solo, resta in memoria con molta più facilità.

Se poi parliamo del web, dobbiamo fare i conti con una soglia di attenzione degli utenti davvero molto bassa. Non sempre si ha il tempo di leggere tutto un muro di parole o di estrapolare dei dati dal resto del contesto. Ecco che l’infografica gioca un ruolo fondamentale.

Sembra ormai certo che l’infografica aumenti dell’80% la predisposizione degli utenti a leggere un contenuto. Se un contenuto è solo testuale, l’utente al giorno dopo ne ricorderà solo il 10%, ma se il testo è accompagnato da immagini rilevanti, i concetti ricordati saranno pari al 65%.

Inoltre, se il testo contiene delle indicazioni, grazie alle illustrazioni le persone le seguono al 323% in più, rispetto a quelle senza.

Come si utilizzano le infografiche

I campi d’impiego delle infografiche sono notevoli. Queste possono essere davvero impiegate in qualsiasi ambito. Se stai pensando che farebbero proprio al caso tuo, ma non hai la più pallida idea di come crearle, ebbene, sappi che oggi ci sono diversi tools che consentono di creare infografiche predefinite ma totalmente personalizzabili.

Basta scegliere il template più adatto alle proprie necessità e modificarlo di conseguenza. Generalmente sono molto facili da utilizzare e intuitivi, quindi non richiedono particolari competenze. Al contrario, anche i meno esperti possono, magari facendo alcune prove, trovare l’infografica per il proprio progetto.

Ricorda che l’infografica serve per semplificare, quindi è bene non crearne di eccessivamente elaborate, semplifica tutti i dati e i concetti prima di progettare l’infografica.