Erba legale, come funzionano i vaporizzatori

Erba legale, come funzionano i vaporizzatori

Il vaporizzatore per godere al meglio dei benefici dell’erba legale

Sul mercato sono presenti tantissime tipologie di vaporizzatori per erba legale. Prodotti di qualità che differiscono per molteplici caratteristiche per cui non è semplice e immediata la scelta ottimale per le proprie esigenze. Il primo aspetto da valutare è quello se scegliere una vaporizzatore da tavolo oppure portatile. Quelli portatili dispongono di camere dalle dimensioni minori e quindi batterie meno durature nel tempo. Per cui, se si vogliono maggiori performance sotto questo punto di vista, meglio optare per la tipologia da tavolo. Inoltre, questa soluzione si dimostra estremamente più versatile per quanto riguarda l’inalazione in quanto le versioni portatili permettono di inalare solamente dal boccaglio. Invece, quelli da tavolo consentono di variare la modalità di assunzione del vapore scegliendo tra il palloncino, tubicini oppure per le estensioni dei bong. Scegliere opportunamente un vaporizzatore, permette di beneficiare di tantissime proprietà dell’erba legale. Innanzitutto, grazie ad esso, è possibile assumerla a scopo terapeutico oppure per fruire di aromaterapia molto indicata per risolvere le problematiche dell’apparato respiratorio. Infatti, la vaporizzazione esalta al massimo quelli che sono i principi attivi presenti in questa sostanza naturale al 100%.

Come funziona un vaporizzatore di erba legale

Un vaporizzatore di erba legale funziona generalmente con due metodologie differenti per riscaldare il contenuto. La prima tipologia è quella a conduzione ed è basata sulla possibilità di effettuare il trasferimento di calore attraverso contatto fisico con la resistenza elettrica. Con questa tecnica si può peraltro ottimizzare le tempistiche necessarie per il riscaldamento e soprattutto c’è una maggiore omogeneità di diffusione. L’altra opzione dei vaporizzatori è la metodologia di riscaldamento a convenzione. Questo prodotto è molto più indicato per i principianti, ma anche più preciso e puntuale. La tecnica prevede una resistenza che non sarà a contatto diretto con l’erba, il che abbatte enormemente il rischio di combustione. Un altro aspetto essenziale di un vaporizzatore a convenzione è quello di permettere un controllo migliore della temperatura con tutti i vantaggi del caso.

Il controllo della temperatura e l’alimentazione

I vaporizzatori sono essenziali per sfruttare al meglio le proprietà terapeutiche e non solo, dell’erba legale. In commercio sono presenti diverse tipologie che si diversificano soprattutto per la tecnica utilizzata per riscaldare. Scegliere un modello di vaporizzatore piuttosto che un altro permette di controllare in maniera differente la temperatura. Solitamente la vaporizzazione avviene tra una temperatura minima di 157 gradi ed un massimo di 220 gradi centigradi. Ci sono dispositivi che permettono di impostare a proprio piacimento la temperatura, mentre altri sono progettati per un funzionamento del tutto automatico. In particolare, ci sono tre possibilità di utilizzo: si può scegliere un range di temperature per ottenere la vaporizzazione in funzione della tipologia di erba, disporre di una manopola regolabile oppure di un display digitale. Ovviamente l’opzione che prevede il controllo con display digitale è certamente la più precisa. Altro fattore molto importante nella scelta di un vaporizzatore, è l’alimentazione. Alcuni dispositivi sono alimentati a butano, mentre altri invece dispongono di batterie ricaricabili che, come abbiamo visto in precedenza, hanno una durata differente in ragione del fatto che si tratti di un dispositivo portatile oppure da tavolo. Insomma, in commercio ci sono tanti vaporizzato per erba legale, ora acquistabile anche su sevenhemp.it, e quindi per ottenere il pieno gradimento occorre valutare nel merito tutte le caratteristiche in funzione delle proprie esigenze.