Un dente scheggiato è una realtà che può accadere spesso, e che necessita di un intervento immediato al fine di limitare le conseguenze sia dal punto di vista estetico sia per la salute della propria bocca. Ma cosa fare in caso in cui si verifichi una tale condizione? Quali sono i passi da seguire? Di seguito andremo a vedere come sia importante intervenire per ripristinare l’integrità dei propri denti rivolgendosi a un pronto soccorso odontoiatrico 24h su 24h.

Dente scheggiato: cos’è e come si verifica

Cosa significa avere un dente scheggiato? Il termine viene utilizzato quando si determina un danno irregolare alla struttura di un dente, che non è dovuto alle conseguenze del tempo, ma è strettamente connesso a un evento traumatico esterno. L’effetto è ben visibile, e può determinare una modifica sostanziale dell’armonia di un sorriso, con conseguenze anche alla difficoltà di completare in modo adeguato la normale masticazione.
Le cause principali che possono portare al verificarsi di un dente scheggiato sono diverse. In primo luogo può esserci un trauma, dovuto a un incidente o a un urto con il volto, inoltre tra i diversi fattori si annoverano anche delle malocclusioni, che determinano un consumo irregolare dello smalto.
Infine vi possono essere anche delle crepe causate da carie o dovute al passare del tempo, che rendono meno compatta la corona del dente causando la sua scheggiatura in caso di contatto con alimenti più duri e resistenti alla masticazione.

Cosa fare con un dente scheggiato

Le scheggiature possono essere di diverse entità, in ogni caso intervenire per ripristinare l’integrità del sorriso non è una realtà opzionale, ma una necessità che richiede attenzione da parte di un dentista, una valutazione precisa della tipologia di danno e un’azione immediata. Infatti, spesso i traumi avvengono in momenti particolari, senza la possibilità di aspettare alcuni giorni per una normale consulto dentistico. Rivolgersi a un pronto soccorso odontoiatrico 24h su 24h può essere una valida soluzione che permette di avere una diagnosi immediata da parte di un odontoiatra esperto e competente, ripristinando nel giro di pochissimo tempo il proprio sorriso con un’azione che sia proporzionata alla tipologia di scheggiatura.

Come intervenire su un dente scheggiato

Riparare un dente scheggiato è possibile, e in base alla gravità del danno e alla porzione di bocca interessata si prevedono diverse tipologie di interventi.

Limatura e applicazione della resina: la limatura di un dente scheggiato è un intervento che deve essere eseguito solo ed esclusivamente dal dentista e che prevede la scomparsa della scheggiatura grazie a un livellamento dello smalto in situazioni in cui l’irregolarità non è molto profonda. Invece, l’utilizzo della resina, chiamato anche con il termine di bonding, permette di ricostruire la forma del dente, in caso di un danno più importante ripristinando la parte mancante e utilizzando una resina composita indurita attraverso l’esposizione al laser e poi successivamente lucidata. Un’operazione che richiede dai 30 ai 60 minuti massimo.

Le faccette dentali: nelle situazioni in cui il danno è più esteso, si potrà intervenire attraverso le faccette dentali. Il termine viene utilizzato per identificare una sottile struttura in ceramica che viene applicata direttamente sulla superficie del dente scheggiato, integrandosi perfettamente con l’equilibrio della bocca, e mascherando il danno che si è subito. La loro applicazione non è invasiva, e inoltre permette di ripristinare l’estetica in modo molto rapido con pochissime applicazioni.

L’implantologia dentale: se la scheggiatura è molto estesa, oppure riguarda diversi denti si potrà optare per un intervento più radicale che prevede l’applicazione di un impianto. Grazie ai materiali moderni, e alle tecniche innovative, sarà possibile sostituire un dente, con un impianto fisso, che preveda l’utilizzo di un perno singolo in titanio ancorato direttamente all’osso.