Come attirare nuovi clienti in negozio: elementi per una strategia efficace

Come attirare nuovi clienti

Sei titolare di una piccola attività locale e stai cercando di capire come attirare nuovi clienti, evitando di fare un buco nell’acqua? Vorresti adottare delle misure offline, valorizzando il tuo punto vendita ma sei incuriosito anche dal mondo online? Su internet hai investito poco, dotandoti del minimo indispensabile come la pagina Facebook e di un sito web? Che tu voglia privilegiare un canale piuttosto che l’altro, la parola chiave da cui devi partire è strategia. Non esiste un metodo univoco, universale e vincente applicabile a tutti i settori di produzione o servizi. Le persone acquistano secondo modalità diverse un prodotto, a seconda del settore di riferimento.

Ciò che ti tornerà utile è elaborare la strategia che meglio si adatti al settore in cui operi. Ma iniziamo con ordine: conosci il tuo cliente?

L’identikit offline del cliente: chi acquista nel mio negozio?

I negozi fisici che sanno come promuovere il proprio marchio possono attirare curiosità e offrire diverse opzioni su come aumentare la clientela. Nell’attuale atmosfera di vendita al dettaglio, la vendita online potrebbe sembrare l’opzione più redditizia e conveniente, ma con le giuste idee promozionali per i retail in malta e mattoni, i commercianti sono in grado di avere successo esattamente come le loro controparti online. In realtà promuovere un negozio fisico, implementando la rete di acquirenti e facendolo diventare una realtà locale e nazionale consolidata, offre un vantaggio notevole a tutta la comunità, essendo questa una sede di un gruppo il quale è in grado di connettersi con i loro clienti e fornire costantemente un’ottima esperienza umana, prima che professionale.
Perché è importante conoscere il tuo cliente? La risposta è abbastanza intuitiva ma è indispensabile averla stampata a mente per procedere nell’elaborazione di una buona strategia. Il tuo negozio è un punto fisico di scambio commerciale ma anche di relazioni. Avere contatto diretto con la tua clientela è un grande punto a tuo favore per definire il tuo target. Quali sono gli interessi del mio “cliente tipo”? Che età ha? Che professione svolge? Rispondi dettagliatamente a questi primi quesiti servendoti di interviste, sondaggi o questionari. Se hai un reparto commerciale, saprà meglio rispondere alla tua indagine, avendo contatto diretto con il cliente.

Se hai risposto al primo punto, puoi servirti di tools ulteriori online per affinare la raccolta delle informazioni già in tuo possesso. Come gli Insights di Facebook o le analitiche di Google Analytics. In che fascia d’età rientra il pubblico che visita il mio sito web o la mia pagina Facebook?

Organizzazione eventi, corsi e aree riservate: cosa fare offline

Definito il target del tuo prodotto, potrai pensare di organizzare degli eventi ad hoc che rispondano ai loro bisogni, interessi e desideri, non solo per i tuoi clienti già acquisiti ma anche per quelli potenziali che semplicemente non hanno ancora conosciuto direttamente il tuo prodotto.

Questi eventi nei negozi possono essere effettuati attraverso l’organizzazione di un corso periodico o di un workshop senza una periodicità scandita. In entrambe le occasioni raccogli materiale fotografico, per testimoniare tramite i tuoi social come Facebook o Instagram l’evento, ringraziando i partecipanti e mostrandoti attento e aperto alle loro recensioni perché per te l’opinione del tuo cliente è importante.

Non prestare attenzione alle recensioni negative può innescare un passaparola che potrebbe allontanare il tuo potenziale cliente nella fase di raccolta di informazioni sul tuo prodotto, piuttosto contatta in privato questi “haters” e chiedi loro cosa non hanno gradito nella formulazione del prodotto o dell’evento, invitandoli a partecipare al prossimo appuntamento con uno sconto su un tuo servizio; questo ti farà apparire come davvero interessato ai bisogno dei clienti e genererà delle idee di marketing per il tuo negozio a partire proprio dai feedback degli utenti. 

Tra le idee per vendere i prodotti più valide vi è quella di riservare un’area del tuo negozio a delle esigenze specifiche della clientela, come potrebbe essere un angolo allattamento in un negozio di articoli prima infanzia. In questo modo risponderai ad un’esigenza specifica di una mamma che ancora non ti conosce direttamente e magari in quel momento ha proprio quella necessità, entrando nel tuo negozio ed entrando in contatto con la tua attività.

Un altro suggerimento riconducibile ad uno dei sei principi della comunicazione persuasiva è la “scarsità”. Pensa ad un’”Offerta del giorno”: promuovi un’offerta per i primi nuovi clienti in un arco temporale ben definito poiché le persone sono maggiormente motivate all’acquisto davanti al timore di una perdita.

Se sei offline, devi essere online: ottimizzazione motori di ricerca

Partiamo da un semplice presupposto. Le persone che cercano un prodotto o una soluzione ad un loro problema in maniera più o meno urgente, consultano l’oracolo degli oracoli: Google. Quello che devi fare è chiederti come gli utenti del web ti cercano o potrebbero cercarti e ottimizzare la tua posizione nei motori di ricerca attraverso un’ attenta e costante analisi delle keywords del tuo settore di riferimento, adottando strumenti ad hoc tra cui Google Adwords.

Se hai un’attività locale, un altro strumento indispensabile (come suggeriscono gli esperti della web agency Bordercross) è Google MyBusiness, il quale consente di comparire nelle ricerche dettagliate con sito web, mappa, orari e informazioni di contatto, oltre alle recensioni. È importante che sia chiaro a chi vi cerca, dove siete, come raggiungervi e come contattarvi. Altrimenti, la cattiva recensione è più che probabile.

Il metodo Blue Ocean: inventa un tuo segmento di mercato e rendi necessario il superfluo

Una delle leggi di base del marketing degli ultimi anni è basato sul metodo del Blue Ocean, ovvero quello di vendere un bisogno ad una persona, che ignorava di avere. L’esempio classico è l’avvento degli smartphone, chi pensava – dieci anni fa – di aver bisogno di un dispositivo che telefonasse, fotografasse, navigasse su internet? Nessuno. Eppure oggi nessuno ne può più fare a meno. Dunque la pubblicità del tuo negozio online dovrebbe concentrarsi più sul bisogno che un cliente ha di quel prodotto e/o servizio, che sul prodotto stesso. Convincere qualcuno di avere bisogno di qualcosa, è il metodo più rapido per arrivare al suo acquisto, piuttosto che elencare tutte le sue peculiarità. Tra le idee pubblicitarie per negozi più efficienti troviamo tutte le campagne nate dal principio del Blue Ocean.